martedì 1 aprile 2014

GATTOPARDISMO da LIVING IN THE PAST

File:Serengeti Serval.jpg
SERVALO (Felis serval)
Parte I.
Si pensava vista la profonda crisi morale ed economica che attraversa il paese e la nostra terra che la classe politica la cui credibilità somma a zero, avesse imparato la lezione. Si pensava...
Invece la realtà è molto più concreta di molti pensieri anzi descrive e argomenta con lucida ferocia le contraddizioni, i silenzi, le incoerenze e i gattopardismi meglio di ogni altra cosa. La politica sarda sorda, distratta e distante dal sentire comune e in primo luogo la sinistra compresa la stampella sovranista, cosi facendo decide deliberatamente il proprio suicidio con un misto di arroganza autolesionista degna dei versi del Belli "Io qui ritraggo le idee di una plebe ignorante, comunque in gran parte concettosa ed arguta, e le ritraggo, dirò, col concorso di un idiotismo continuo, di una favella tutta guasta e corrotta, di una lingua infine non italiana e neppur romana, ma romanesca" come descritta da Monicelli nel film Il marchese del Grillo interpretato dall'Albertone nazionale e magistralmente riassunta nella famosa frase " Mi dispiace, ma io so' io e voi non siete un cazzo!"

Fatto N.1. Sino al 5 Gennaio 2014 il centrosinistra sardo brancolava nel buio privo di una leadership. 

Fatto N.2.  Il 16 Febbraio  2014 il centrosinistra vince le elezioni, ma un sardo su due non va a votare.

Fatto N.3. Con il Decreto del Presidente del 14 marzo 2014, n.37 vengono nominati gli Assessori componenti la Giunta regionale. Lottizzazione ad personam degna del miglior Cencelli con carta d'identità del partito di riferimento e annesso capo corrente putativo. Lo slogan competenza non appartenenza che aveva caratterizzato il messaggio del candidato Presidente e che aveva convinto oltre 20.000 sardi a sceglierlo a balla sola è stato corretto in appartenenza a competenza, più o meno.

Fatto N.4. Il Consiglio regionale è convocato, con decreto del Presidente della Regione n.1/E del 15 marzo 2014, per giovedì 20 marzo 2014 alle ore 10.30 con il seguente o.d.g.:
  1. Costituzione dell'Ufficio di Presidenza provvisorio. 2 Comunicazioni del Presidente provvisorio del Consiglio regionale. 3 Giuramento dei Consiglieri regionali ai sensi dell'articolo 23 dello Statuto speciale per la Sardegna e dell'articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 19 maggio 1949, n. 250. 4Comunicazioni del Presidente della Regione e giuramento degli Assessori regionali. 5 Elezione del Presidente del Consiglio regionale. 
Fatto N. 5.Il Consiglio regionale è convocato per giovedì 27 marzo 2014 alle ore 10.30 con il seguente ordine del giorno:
1 Comunicazioni del Presidente .2 DISCORSO di insediamento del Presidente Ganau.. 3 ELEZIONE di due Vicepresidenti del Consiglio. 4 ELEZIONE di tre Questori del Consiglio. 5 ELEZIONE di un Segretario del Consiglio.

Le prime due sedute del Consiglio Regionale producono di fatto e di diritto, l'elezione a Presidente del Consiglio di un consigliere regionale rinviato a giudizio e di un'altro indagato, eletto Questore. 
Il completamento degli incarichi Istituzionali a cui seguirà quello delle Commissioni avviene con il medesimo stile spartitorio che ha presieduto alla formazione dell'esecutivo con l'ovvio risarcimento per coloro fuori dal primo giro. Si chiude il cerchio prima con l'adesione del consigliere Presidente al gruppo consiliare del PD e poi con la composizione dei primi staff assessoriali con qualche trombato al voto, che rivendica e ottiene in quel modo per se e per il suo partito di riferimento una sorta di  risarcimento, a spese dei sardi.
Se il buongiorno si vede dal mattino è un albero si riconosce dai frutti lo scenario può definirsi squallido e del tutto inadeguato alla sfida. Più che un ritorno al futuro appare come un living in the past tra i più peggiori che si ricordino da 20 anni a questa parte.
  
PS= Fatto N.6.Il Consiglio regionale è convocato per mercoledì 2 aprile 2014 alle ore 10.30 con il seguente ordine del giorno:
  1. Dichiarazioni programmatiche del Presidente della Regione.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta.Arrexionis