venerdì 18 ottobre 2013

Le Questioni nazionali aperte:SARDEGNA & MEZZOGIORNO

Questa la fotografia che emerge dal Rapporto SVIMEZ sull’economia del Mezzogiorno 2012 in presentazione a Roma  ieri giovedì 17 ottobre.
 Un Mezzogiorno a rischio desertificazione industriale, dove i consumi non crescono da cinque anni, si continua a emigrare per il Centro-Nord, il tasso di disoccupazione reale supera il 28%, crescono le tasse e si tagliano le spese, ma una famiglia su 7 guadagna meno di mille euro al mese, e in un caso su quattro il rischio povertà resta anche con due stipendi in casa. Secondo la SVIMEZ occorre rilanciare una visione strategica di medio-lungo periodo, che veda nella riqualificazione urbana, energie rinnovabili, sviluppo delle aree interne, infrastrutture e logistica i principali drivers dello sviluppo. I numeri evidenziati in rosso segnalano una situazione di sofferenza che si è accentuata nel corso del primo semestre 2013, insomma sempre più Questione meridionale e sempre più Questione sarda sono i nodi strutturali italiani.

MEZZOGIORNO                                                                                                          SARDEGNA                                                                                                                  
PIL                                                                                                                                  PIL
Pil 2012 (var. % rispetto all'anno precedente) -3,2                                                                 -3,5
PIL 2012 (in milioni di euro correnti) 360.737,1                                                             32.392,8
PIL pro capite (euro) 17.263,9                                                                                      19.344,2
PIL pro capite (Italia=100) 67,7                                                                                        75,1
Popolazione residente anagrafe (migliaia) 20.621,1                                                           1.640,4
Popolazione residente (var. % 2000-2012) 0,0                                                                       0,0
Tasso di natalità (valori per 1.000 ab.) 8,9                                                                              7,6
Tasso di mortalità (valori per 1.000 ab.) 9,7                                                                            9,5
Saldo migratorio totale 2012 (migliaia di unità) 29,1                                                                 5,7
Speranza di vita alla nascita - maschi (numero medio di anni) 78,8                                          78,8
Speranza di vita alla nascita - femmine (numero medio di anni) 83,9                                        84,9
Export (milioni di euro) 46.425,8                                                                                      6.204,2
Export (var. % 2011-2012) 7,8                                                                                             21,5
Quota % delle esportazioni verso l'UE 27 (2012) 48,5                                                           38,2

Mercato del lavoro
Occupazione (var. assoluta 2012 - migliaia di unità) -35,4                                                       -6,4
Occupazione (var. % 2011-2012) -0,6                                                                                   -1,1
Occupati 2012 (migliaia) 6.180,3                                                                                         595,3
Tasso occupazione totale 43,8                                                                                               51,7
Tasso occupazione maschile 56,2                                                                                          60,3
Tasso occupazione femminile 31,6                                                                                         43,1
Tasso di attività 2012 53,0                                                                                                    61,0
Cig totale attività manifatturiera (in migliaia di ore) 142.019                                             12.024
Tasso disoccupazione ufficiale 17,2                                                                                       15,5
Tasso disoccupazione maschile 15,9                                                                                      15,3
Tasso disoccupazione femminile 19,3                                                                                     15,9
Tasso disoccupazione giovani entro 24 anni 46,9                                                                    47,3
Disoccupati (var. % 2011-2012) 31,0                                                                                   16,4
Tasso di disoccupazione "corretta" (2012) 28,4                                                                     22,5
Giovani Neet 15-34 anni (migliaia) 1850,0                                                                          113,3
Giovani Neet 15-34 anni (% sulla polazione di eta corrispondente) 35,7                                30,1
Occupati residenti che lavorano al Centro-Nord o all'estero 155.922                               7.546
Quota di emigranti in possesso di laurea (2011) 25,0                                                             20,3

Distribuzione dei redditi, povertà, benessere
Percentuale di famiglie residenti che percepiscono meno di 6.000 €/anno 3,8                           3,4
Percentuale di famiglie residenti che percepiscono meno di 12.000 €/anno 10,3                       7,8
Percentuale di famiglie residenti monoreddito 49,8                                                                 45,8
Percentuale di famiglie con 3 o più familari a carico 12,2                                                          6,0
Famiglie povere nel 2012 in migliaia (povertà relativa) 2.114,0                                             144,6
Famiglie povere nel 2012 in % sul totale famiglie (povertà relativa) 26,2                                 20,7
Indicatore di benessere (BES) n.d.                                                                                      101,2
Numero di impianti fotovoltaici (2012) 139.040                                                              32.005
 - % sul totale nazionale 29,1                                                                                                  6,7
Numero di impianti eolici (2012) 5.978                                                                               285
 - % sul totale nazionale 97,2                                                                                                  4,6
Numero di impianti bioenergetici (2011) 157                                                                         14
 - % sul totale nazionale 12,9                                                                                                  1,2
Depositi bancari (milioni di euro) 254.922                                                                      19.405
Prestiti bancari (milioni di euro) 285.138                                                                        25.479

Pil e Mezzogiorno - In base a valutazioni SVIMEZ nel 2012 il Pil  è calato nel Mezzogiorno del  3,2%, oltre un punto percentuale in più del Centro-Nord, pure negativo (-2,1%). Per il quinto anno consecutivo, dal 2007, il tasso di crescita del PIL meridionale risulta negativo. Dal 2007 al 2012, il Pil del Mezzogiorno è crollato del 10%, quasi il doppio del Centro-Nord (-5,8%).Nel Mezzogiorno si registrano cadute più contenute in Campania e Molise (-2,1%), seguono Puglia e Calabria (rispettivamente -3 e -2,9%), Abruzzo (-3,6%) e Sardegna (-3,5%). In coda la Basilicata (-4,2%) e la Sicilia (-4,3%).
Nel Mezzogiorno la regione con il Pil pro capite più elevato è stata l’Abruzzo (21.244 euro). Seguono il Molise (19.845), la Sardegna (19.344), la Basilicata (17.647 euro), la Puglia (17.246), la Sicilia (16.546) e la Campania (16.462). La regione più povera è la Calabria, con 16.460 euro.

Agricoltura – Il valore aggiunto del settore agricolo meridionale (che raccoglie l’insieme di agricoltura, silvicoltura e pesca) nel 2012 ha segnato +3,5%, più del doppio del Centro-Nord (+1,5%), ma la maggiore tenuta del comparto è riconducibile esclusivamente all’andamento dei prezzi, e non a elementi strutturali. Nel complesso il Sud mantiene la sua specificità agricola, con un’incidenza del settore primario circa doppia rispetto al Centro-Nord sia sul valore aggiunto totale (3,5% rispetto all’1,5% del Centro-Nord), sia sul fronte delle unità di lavoro (8,7% contro 3,7%). Resta inalterato il forte peso del Mezzogiorno nel settore: il 40% del valore aggiunto prodotto e il 46% degli occupati sul totale sono al Sud, dove gravitano 971mila aziende, il 60% del totale nazionale, su una SAU (superficie agricola utilizzata) pari al 47% del totale
Le filiere agroalimentari – Il settore agricolo e l’industria alimentare incidono nel Mezzogiorno per quasi il 5% sul valore aggiunto complessivo, a fronte del 3,7% del Centro-Nord. I comparti della vitivinicoltura e dell’orticoltura meridionali offrono interessanti esempi di filiere organizzate e modelli produttivi di riferimento. In particolare, nell’ultimo decennio la vitivinicoltura meridionale ha intrapreso un processo di miglioramento molto marcato. Nel 2012 il Sud ha prodotto il 46% del vino italiano (42% bianco, 39% rosso), su una superficie pari al 52% del totale nazionale, due terzi della quale concentrati in Sicilia e Puglia. Al Sud si concentra poi il 20% della produzione Doc e Docg, il 42% della Igt e il 54% del vino da tavola. Rispetto al 2011, nel 2012 la produzione è cresciuta del 6,4% al Sud, incremento dovuto principalmente alla Sicilia (+13%) e alla Puglia (+12%). In crescita anche le esportazioni: +14,3%, con forti aumenti in Puglia (+25%), Campania (+16%) e Sardegna (+9,5%). Tiene anche il biologico, concentrato soprattutto nel Mezzogiorno.
Cosa dice la SVIMEZ - Il Mezzogiorno ha subìto più del Centro-Nord le conseguenze della crisi, con una caduta forte del Pil e dell’occupazione, mentre le prospettive di ripresa sembrano lente e incerte. Si fa avanti un rischio concreto di consolidamento del calo dei consumi e della perdita dei posti di lavoro. Per questo occorre una forte azione di policy che proceda attraverso azioni di emergenza anti ciclica da un lato e di strategie di medio e lungo periodo dall'altro. Per quanto riguarda le filiere agroalimentari del vino e delle colture ortive, comprese la IV gamma, nonostante i miglioramenti qualitativi degli ultimi anni occorre maggiore integrazione all’interno della filiera. Le forme associative hanno infatti permesso di concentrare la produzione ma anche intraprendere strategie di valorizzazione e introdurre innovazioni di processo e di prodotto. Esistono ancora ampi margini di miglioramento, soprattutto a sostegno dell’integrazione di aziende, ancora troppo polverizzate, e dell’innovazione competitiva, necessaria per tenere testa alla pressione esercitata dagli altri paesi mediterranei. Riguardo al comparto edilizio, andrebbero adottate nuove politiche di rilancio a sostegno del recupero e valorizzazione del patrimonio, della riqualificazione energetica delle costruzioni, e a supporto delle famiglie oggi escluse dai mutui per la stretta creditizia.
(fonte rapporto SVIMEZ)

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta.Arrexionis