mercoledì 29 maggio 2013

NON SI BRUCIA IL CARRO

Si cambia il cavallo.....

Dr. Biolchini buongiorno,
colgo l’occasione del suo autorevole blog e in particolar modo della sua nota afferente i fermenti nei quali sarebbe a ribollir il centrosinistra sardo. Saggi, Dotti e Sapienti hanno con arguzia di ragionamenti, interloquito con il suo scritto.
Anche i più avveduti tra i suoi commentatori a me paiono descrivere condizioni anche fattuali che non derivano da una logica della Politica che mortifica la natura e il ruolo stesso della politica, si avanza in tale assenza più che proposte decisive e chiare, aspirazioni, intendimenti speranze, tutte animate da buoni propositi e sorrette da gambe giovani e valenti menti con pari rappresentanza di generi.
Ieri l’altro con un altrettanto mio attempato compagno di bisboccia in un raro momento di lucida follia abbiamo arrolliato di politica, certi del riparo offerto alla lucidità della mente, dal notevole tasso alcolico circolante. Riporto il brevissimo ricordo che è sopravvissuto alla furiosa battaglia, con la speme di una sua qualche utilità alle sue e dei suoi ospiti, interlocuzioni.
“Itte casinu bade in sa politica nostra, troppu zente scumbinada a manca e a deretta, candu beste custu casinu non si bruxiada su carru si cambiada su cuaddu”.
Orbene siccome eravamo al mirto, dopo abbondanza di giri ripetuti di Nieddera, li per li mi è sembrata una frase di quelle sagge e ad hoc tipicamente alcolemiche.
L’unica cosa cosa che mi sfuggiva era perchè l’animal d’esempio scelto, fosse il cavallo e non asini, conigli, coccodrilli,volpi,vermi, topi le cui personalità, con rispetto per il regno animale, vengono emulati dalla classe di comando nostrana. La risposta al mio interrogativo è stata
“poitta su carru este unu strumentu de traballu su cuaddu unu cumpangiu preziosu chi fungidi po medas cosasa chi funti de primaria importanza naraida nonnu mio- su cuaddu movidi su carru,,movidi sa prenza,movidi s’arau,portada mimmi a passillai esti una bella bestia, ma candu si tocca de turra o cumenzada a andai po contu su, intando toccada addu cambiai.
Cummenti goppai?, lui risponde ” is politicusu funti cummenta ais cuaddusu candu smittinti di essi preziosusu po sa zente anzi candu funti de meda tempusu unu dannu po sa zente, intando non si cambia sa zente cumenti non si cambiada su carru, si cambiada is cuaddus. tottu paris siada de dogna arrazza sianta, cun bestias noasa mancai arestesi ma noasa,e chi tenganta gana e callidadi,po tirai su carru. Is zappus e is acconcius non serbinti mancai sianta de arroba bona. Cuaddus nuos a tallu toccada a ponni a curri, callincunu s’ada a perdi bia fadendi, poitta cussusu de callidadi, chi non s’ammestura su tallu,accointanta a ponni a conca e teinti gana po tirai su carru e po arau, s’incungia e po assuccrai s’ortu. Sa terra nostra, amigu miu caru tenidi abbisongiu de genti noa, competenti, chi allichidada su logu, aradidi sa terra, aguantidi s’acqua limpia, incungidi palla, tiridi su carru senza andai fora de arrastu e chi a sa torrada tenganta rispettu e a contu sa bidea e sinteressu de sa comunidadi. Genti noua però diaveru non aicci aicci: Noa.
(commento ad un articolo del blog di V. Biolchini intitolato :Scontenti del centrosinistra sardo in fermento, ma per fare cosa?)

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta.Arrexionis